Swipe to the right

​6 Vini Rossi da Bere Freschi in Estate

By Luca Stroppa 02 luglio 2019

6 Vini Rossi da Bere Freschi in Estate

Una delle credenze più diffuse nel mondo del vino riguarda la temperatura di servizio dei bianchi e dei rossi, per cui tutti i vini bianchi vanno serviti e bevuti freschi mentre tutti quelli rossi prediligono temperature di servizio più alte. Come ogni credenza popolare ha un fondo di verità, ma allo stesso tempo non corrisponde pienamente al vero. Già perché ci sono alcuni rossi che non disdegnano, anzi, si esprimono al meglio a temperature più basse della media. Scopriamo quali sono questi vini e quali caratteristiche devono possedere per poter essere serviti freschi.

Vini Rossi Freschi: quali caratteristiche?

Un’importante precisazione è d’obbligo: non tutti i vini rossi possono essere serviti freddi, anzi, solo una piccola parte, quella che presenta specifiche caratteristiche organolettiche e strutturali.

Innanzitutto, il vino rosso che può essere servito fresco non deve essere troppo alcolico, pieno e persistente. Le basse temperature, infatti, diminuiscono la percezione del grado alcolico del vino, impedendo di godere a pieno della sua struttura. Il nostro vino rosso da servire fresco non deve avere dunque una gradazione eccessiva (indicativamente non deve superare i 13,5%, massimo 14%). Tanto per essere chiari, non servire fresco un Barolo o un Amarone perché perderà la sua caratteristica potenza. Per lo stesso motivo, non servire freddo un vino da invecchiamento. Al contrario sarà più adatto ad una temperatura di servizio bassa un rosso giovane e poco strutturato.

Altra caratteristica indispensabile per servire freddo un vino rosso è l’aromaticità. Le basse temperature, infatti, tendono a nascondere e alterare i delicati profumi di vini poco aromatici; al contrario, i vini con un ampio e intenso bouquet di profumi riescono tranquillamente a sopportare temperature più basse.

Ultima proprietà indispensabile per poter servire un vino rosso a basse temperature è l’acidità e la conseguente freschezza. Un vino è acido quando è fresco al palato, leggero e delicato. Una bevanda acida è senza dubbio più gradevole se servita fresca, perché le basse temperature ne esaltano proprio la freschezza.

Attenzione: servire un vino rosso a basse temperature significa portarlo a tavola a 12, massimo 11 gradi, non di meno. Al di sotto di questa soglia anche i vini più giovani, freschi e aromatici potrebbero subire danni al loro bouquet di profumi, che, di conseguenza, risulterebbero poco percepibili. Mi raccomando, non conservare la bottiglia di rosso in frigorifero per molto tempo; per raggiungere quelle temperature, almeno nelle stagioni più calde, basta conservarla al fresco solo poche ore prima di essere bevuta. Per mantenere costante la freschezza della bevanda anche a tavola utilizza un secchiello con ghiaccio.

Vini Rossi da Bere Freschi: ecco quali.

A questo punto possiamo fare un identikit del vino rosso ideale da servire a basse temperature: un vino giovane, fresco, dalla buona acidità, profumato e aromatico, poco strutturato e dalla bassa gradazione alcolica.

Noi di Wineshop.it ne abbiamo individuati 6, perfetti da bere freschi anche in estate.

1. Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

Il Lambrusco è un vino molto eclettico e versatile, un vino rosso particolare, dai profumi intensi e persistenti, dalla caratteristica leggerezza e freschezza. È dunque un vino che può, probabilmente deve, essere servito fresco, tra i 12 e i 14 gradi. Abbinatelo ad un piatto di pesce importante, vi sorprenderà.

2. Bardolino

A proposito di aromaticità e freschezza, prova a servire fresco il Bardolino, magari durante un aperitivo alternativo, e non te ne pentirai. I suoi semplici ma intensi profumi fruttati e speziati renderanno questo momento estremamente piacevole.

3. Lacrima di Morro d’Alba

Il Lacrima di Morro d'Alba è un vino proveniente da un vitigno molto antico, unico e raro. È un vino dall’intenso bouquet di sottobosco, di rosa e di viole, ma allo stesso tempo leggero e dalla sorprendente delicatezza. Aromatico, poco alcolico e fresco, perfetto per essere servito a basse temperature. Il pesce, in questo caso, è il suo compagno ideale, specialmente quelli cotti al forno.

4. Schiava

Uno dei principali vini rossi da tutto pasto, versatile, anche e soprattutto a seconda della temperatura di servizio, semplice, leggero, piacevole, molto fruttato. Servibile tra i 16 e i 18 gradi con della carne: è il vino rosso per una grigliata al’aperto, servibile fresco tra i 13 e i 15 gradi con il pesce. La Schiava è davvero sorprendente.

5. Rossese di Dolceacqua

Profumatissimo e con una gradazione alcolica non troppo elevata, anche il Rossese di Dolceacqua è un vino adatto ad essere bevuto fresco in estate. Se vuoi rinfrescare il tuo palato senza rinunciare al rosso, magari con un piatto di mare, questo è il vino che fa per te.

6. Valpolicella Classico

Alcolicità e tannicità moderata, buona acidità, grande beva e un bouquet di profumi floreali, fruttati e speziati molto variegati. Noi di Wineshop.it beviamo il Valpolicella Classico, rigorosamente fresco, come vino da tutto pasto, fin dall’aperitivo, per il nostro pranzo a base di pesce.

Posted in: Consigli sul vino
  Loading...