Swipe to the right

​Che vino regalare a Natale

By Luca Stroppa 03 ottobre 2018

Che vino regalare a Natale

Il Natale è la festa più conviviale che ci sia, tutta la famiglia si riunisce per trascorrere una giornata in compagnia, a tavola tra una pietanza e l’altra, tra una partita a tombola e una a carte, tra una chiacchiera e l’altra, una giornata dedicata allo “stare insieme”. Un momento così conviviale richiede la bevanda più conviviale che ci sia: il vino. Ma quale vino servire, quale vino regalare a chi ci ospita per il cenone o il pranzo e quale vino far trovare sotto l’albero di Natale? Wineshop.it ha deciso di darvi qualche consiglio sulle migliori bottiglie da regalare o da portare a tavola in questo giorno speciale.

Cenone della Vigilia o Pranzo di Natale?

Una prima fondamentale distinzione è necessaria: cenone della Vigilia o pranzo di Natale? L’Italia si divide: al Centro Sud si preferisce riunire la famiglia per il Cenone della Vigilia, mentre al Nord si festeggia prevalentemente il giorno di Natale con una super abbuffata a pranzo.

I due pasti sono molto diversi tra loro: il cenone è a base di pesce, il pranzo è generalmente a base di carne. Il 24 dicembre è un giorno considerato di “magro”, in cui bisogna evitare di mangiare carne e i suoi derivati, per cui il pesce diventa la soluzione migliore e più utilizzata.

Se intendi regalare del vino o portare a tavola una bottiglia per essere stappata nel corso di questa occasione è necessario considerare questa importante distinzione. In linea generale, possiamo dire che il vino bianco è piuttosto adatto per il cenone, mentre il rosso per il pranzo di Natale.

I vini del Cenone della Vigilia

Al Centro Sud, il cenone della vigilia è un momento sacro particolarmente importante. E come tradizione vuole domina incontrastato il pesce. Non può mancare il baccalà, fritto, in umido o mollicato, in grado di accompagnare e arricchire numerosi piatti. In questo caso, il bianco è d’obbligo: un vino fresco, delicato nel sapore e nel profumo come il Lugana è quello che fa per voi.

A Napoli, una delle specialità tipiche della Vigilia di Natale è l’anguilla, soprattutto nella sua versione femminile, cioè il capitone, più saporito e prelibato rispetto al maschio. Viene gustato in umido nel corso del Cenone, mentre ciò che avanza è alla base dell’antipasto consumato il giorno seguente. Se vuoi sorprendere lo zio che ti ha invitato a cena, un buon Lambrusco è il regalo ideale per il Cenone di Natale: un vino eclettico, versatile, persistente ma dal sapore equilibrato e piacevole in grado di accompagnare la sapidità del capitone.

Per il dolce, la tradizione del sud Italia propone un ventaglio infinito di possibilità, oltre il classico panettone o pandoro: babà, cassata, cannoli, struffoli, cubaita, crocette, croccanti… chi più ne ha più ne metta. Ricordate solo una regola fondamentale: con il dolce spumante dolce!

I vini del Pranzo di Natale

Nel Nord Italia, il Natale si festeggia a tavola il pranzo del 25 dicembre. Un giorno non di magro per cui libero spazio a piatti a base di carne e ai vini rossi.

Si parte con primi classici come i canederli da abbinare con un vino particolarmente adatto ad accompagnare piatti regionali: il Lagrein, corposo, vellutato, vivace e piacevole. In Piemonte non mancano gli agnolotti, mentre in Lombardia casoncelli e lasagne. In Emilia non c’è pranzo di Natale senza tortellini: l’Albana di Romagna è il vino giusto da portare in tavola o da regalare al nonno emiliano per il Natale.

Secondi piatti con tacchino, arrosto e faraona magari con un buon bicchiere di Bonarda che si accosta piacevolmente con queste carni grazie al suo sapore intenso e fruttato, ma soprattutto grazie al retrogusto di mandorla.

Se il menù del pranzo di Natale prevede il bollito misto allora sorprendete tutti, presentatevi al pranzo con un regalo che farà piacere a tutta la famiglia: un Valtellina Superiore, i cui profumi di vaniglia e nocciola renderanno ancora più dolce e felice il vostro Natale.

Per il dolce non si scappa: pandoro o panettone, accompagnato da un bicchiere di Asti Spumante, fresco, dolce, frizzante, ideale per un brindisi e ottimo come regalo di Natale. Non mancheranno di certo frutta secca e torrone abbinati ad un Passito di Pantelleria, un vino da dessert, dai profumi intensi, morbidi ma allo stesso tempo persistenti.

I vini da regalare a Natale

Il vino è uno dei regali di Natale più utilizzati e più apprezzati. Del resto non c’è festa senza vino. Sulla base del menù che viene preparato la cena della Vigilia o il pranzo di Natale potete scegliere uno di questi vini da regalare a chi vi ospita oppure come regalo generico per questa ricorrenza. In ogni caso, puntate su idee regalo originali: confezioni da sei bottiglie in cui poter inserire vini diversi per ogni gusto, oppure confezioni per una o due bottiglie, o ancora cassette in legno contenenti vini pregiati, magari spumanti in formato Magnum per una grande festa. Non dimenticate il messaggio di auguri personalizzato da inserire nel pacco: il Natale non è una festa come le altre.

Se proprio non vuoi rischiare o non hai idea sui gusti di chi riceverà il regalo punta su una gift card e su un buono sconto: lascerai al fortunato la scelta del vino da acquistare.

Per i tuoi regali di Natale punta su Wineshop.it!

Posted in: Consigli sul vino
  Loading...