Swipe to the right

​Vino in Poesia: Borges e il "Sonetto al Vino"

By Luca Stroppa 08 giugno 2018 44 Views No comments

Vino in Poesia: Borges e il "Sonetto al Vino"

Vino e Poesia: un binomio fecondo e antichissimo che percorre secoli di storia.

La bevanda di Bacco è stata e continua ad essere “Musa ispiratrice” di poeti e scrittori che ne decantano pregi e virtù. Da Aristofane a Pablo Neruda, da James Joyce a Salvador Dalì, l’elenco dei pensatori che hanno dedicato una poesia, un racconto, un aforisma o una semplice citazione al vino è lunghissima. Tra questi rientra anche Jorge Luis Borges con il suo “Sonetto al Vino”.

Jorge Luis Borges

Jorge Luis Borges è uno scrittore e poeta argentino, uno degli artisti più importanti e influenti del secolo scorso. Nato a Buenos Aires nel 1899, eredita dai genitori la passione per la scrittura e la letteratura tanto che nel 1923 pubblica la sua prima raccolta di poesie “Fervor de Buenos Aires”.

Conosciuto soprattutto per i suoi racconti fantastici, lo scrittore argentino non smetterà mai di dilettarsi con la sua prima grande passione, quella per la poesia.

La sua intera esistenza è condizionata da una grave miopia che lo porterà, negli anni 50’, alla cecità. Sono anni difficili ma ricchi di ispirazione e creatività; proprio in questa fase Borges darà vita ad alcune delle sue opere più importanti come “Finzioni”, “L’Aleph” e “L’altro, lo stesso”. Proprio in “L’altro, lo stesso” (1964), una raccolta di sessantacinque poesie, ne troviamo una dedicata alla nostra bevanda preferita: “Sonetto al vino”.


SONETTO AL VINO

In quale regno o secolo e sotto quale tacita
congiunzione di astri, in che giorno segreto
non segnato dal marmo, nacque la fortunata
e singolare idea di inventare l’allegria?

Con autunni dorati fu inventata. Ed il vino
fluisce rosso lungo mille generazioni
come il fiume del tempo e nell’arduo cammino
ci fa dono di musica, di fuoco e di leoni ...

Nella notte del giubilo e nell’infausto giorno
esalta l’allegria o attenua la paura,
e questo ditirambo nuovo che oggi gli canto

lo intonarono un giorno l’arabo e il persiano.
Vino, insegnami come vedere la mia storia
quasi fosse già fatta cenere di memoria.


Sonetto al vino

Vino come sinonimo di allegria, un’invenzione “fortunata” che ha accompagnato la storia dell’uomo ed è entrata a far parte della sua cultura; vino come consolazione nei momenti bui ed esaltazione in quelli felici; vino come storia, come “memoria” della nostra Storia: quella di Jorge Luis Borges in “Sonetto al Vino” è un vero e proprio inno, una vera e propria dichiarazione d’amore e di ammirazione nei confronti del vino.


Puoi lasciare un commento cliccando su "leave a comment", il tuo commento verrà pubblicato previa approvazione, cliccando su “Invia” acconsenti alla nostra Privacy Policy.

Posted in: Cultura del vino
  Loading...