Swipe to the right

Come conservare il vino d’estate

By Luca Stroppa 31 luglio 2018 No comments

Come conservare il vino d'estate

Sei particolarmente sensibile al caldo tanto da non riuscire a sopportare l’improvviso aumento delle temperature tipico della parte centrale della stagione estiva? Non sei l’unico: anche il vino può risentirne e soffrire l’ondata di calore.

Per questo motivo, soprattutto in estate, è necessario prendersene cura, osservando una serie di norme e disposizioni fondamentali per conservarlo nel migliore dei modi.

Norme per la conservazione del vino

Il vino è una bevanda che per essere gustata al meglio ha bisogno di specifiche condizioni di conservazione.

La norma standard prevede che venga conservato in posizione orizzontale, in uno spazio esposto il meno possibile alla luce, con una temperatura costante o comunque senza eccessivi sbalzi termici, solitamente tra i 10 e i 12 gradi centigradi e 60-70% di umidità, e senza eccessive vibrazioni.

Il luogo ideale, in grado di soddisfare tutti questi requisiti, è una cantina naturale o un armadio climatizzato che protegge il vino dalla luce, permette di mantenere costante la temperatura e il tasso di umidità dell’ambiente, oltre ad evitare di esporre le bottiglie a pericolose vibrazioni.

Per chi non ha a disposizione questi spazi, esistono comunque una serie di soluzioni alternative.

Innanzitutto, è necessario individuare un luogo deputato esclusivamente alla conservazione del vino, ad esempio un piccolo magazzino, un ripostiglio buio o un garage ben areato, possibilmente quello che non utilizzate per parcheggiare la vostra auto. Il contatto delle bottiglie di vino con i gas di scarico dell’automobile è vivamente sconsigliato!!!

Evitate di conservare le bottiglie in luoghi in cui sono presenti altri cibi perché il vino potrebbe catturarne i sapori, rovinando il proprio.

Evitate di conservare il vino in luoghi troppo caldi in cui sono presenti stufe, termosifoni, camini o altre fonti di calore in grado di alterare eccessivamente la temperatura dell’ambiente.

Allo stesso modo, evitate di conservare il vino in frigoriferi troppo freddi.

Temperature troppo alte o troppo basse impediscono la completa maturazione del vino e il suo sviluppo aromatico.

Una volta scelto il luogo in cui conservare le bottiglie, cercate di posizionarle orizzontalmente in modo tale che il tappo venga a contatto con il vino, si mantenga elastico, evitando l’ossidazione.

Infine, tenete monitorato il tasso di umidità e la temperatura del vostro ambiente e controllate che si mantengano costanti.

Accorgimenti per l’estate

L’arrivo dell’estate e l’aumento della temperatura rischia di alterare alcune delle condizioni base per la conservazione del vino.

La temperatura nel magazzino sottocasa e nel garage dove hai deciso di conservare il vino potrebbe aumentare eccessivamente, nonostante il luogo sia ben protetto, areato e lontano dalle fonti di calore.

In questo caso, può essere utile ricorre a ventilatori o condizionatori in grado di riproporre nell’ambiente le condizioni di temperatura ideali.

Se le bottiglie che conservi non sono troppo numerose, puoi anche servirti di un piccolo frigorifero, appositamente dedicato al vino, in cui impostare la corretta temperatura di conservazione.

Ah, un’ultima cosa, se proprio non avete a disposizione un luogo adatto a conservare il vino per un lungo periodo e semplicemente lo tenete in casa, almeno in estate, evitate di servirlo a temperatura ambiente.

In tali condizioni, il vostro vino avrà una temperatura appena superiore ai 20 gradi, per cui lasciarlo qualche ora in frigorifero o in un cestello con ghiaccio è cosa buona e giusta e lo porterà agli ideali 14-16 gradi (per il bianco va bene anche qualche grado in meno).

Prendetevi cura del vostro vino, ricambierà…


Puoi lasciare un commento cliccando su "leave a comment", il tuo commento verrà pubblicato previa approvazione, cliccando su “Invia” acconsenti alla nostra Privacy Policy.

Posted in: Consigli sul vino
  Loading...