Swipe to the right

​Quanto vino versare in un bicchiere?

By Luca Stroppa 20 marzo 2020 382 Views


Quanto vino versare in un bicchiere?

Se dovessimo classificare i winelover sulla base della quantità di vino versata in un bicchiere sorgerebbero due categorie estreme e una serie infinita di figure intermedie. Da una parte abbiamo quelli che definiamo i “generosi”: il loro motto è “il vino è come l’acqua” e me lo verso fino all’orlo del bicchiere risparmiando tempo ed energie. Dall’altra abbiamo i “super raffinati”: il vino va bevuto a gocce e ne verso talmente poco che quasi non si vede nel bicchiere.

Il tema è certamente divertente ma non banale. Per essere gustato al meglio il vino va versato nel bicchiere nella giusta quantità. È una questione di rispetto nei confronti della bevanda. E diciamolo subito: il vino non è come l’acqua e non va neppure versato a gocce …

Quanto vino in un bicchiere?

Il servizio del vino è un’operazione determinante. Per poter gustare al meglio la nostra bevanda è necessario seguire una serie di raccomandazioni che coinvolgono la pulizia del bicchiere, le modalità di servizio del vino, la tipologia di bicchieri in cui versarlo e tanto altro. Tra tutti questi aspetti rientra anche quello della quantità di vino da versare nel bicchiere, troppo spesso sottovalutata e poco considerata.

Eppure se ci pensiamo bene questa operazione così banale e abituale può influenzare due caratteristiche fondamentali del vino:

1. i profumi

2. la temperatura

Andiamo per ordine.

La quantità di vino presente in un bicchiere influenza i suoi profumi e la loro capacità di liberarsi a pieno verso le nostre narici. Il principio è piuttosto semplice e intuitivo: maggiore è la superficie di vino a contatto con l’aria maggiore è la possibilità di evaporazione delle sue sostanze odorose e quindi più completa sarà l’esperienza olfattiva.

Inoltre, versare una giusta quantità di vino permette al bevitore di far roteare facilmente il bicchiere, senza correre il rischio di farlo traboccare, garantendo la giusta ossigenazione alla bevanda e aiutandola ad aprirsi, facendo salire i profumi al naso.

Ma attenzione, hai in mano un bicchiere di vino non un cocktail da shakerare! Il movimento di rotazione del vino nel bicchiere dovrà essere delicato. Solo così i profumi del liquido ti potranno inebriare. In caso contrario, le eccessive vibrazioni a cui sottoponi la bevanda rischiano di compromettere le sue caratteristiche organolettiche.

Il secondo aspetto da considerare è quello della sua temperatura. Ogni vino ha una temperatura ideale di servizio e di degustazione. Questa temperatura, una volta nel bicchiere, rischia di alzarsi notevolmente, allontanandosi da quella ideale. Ciò dipende dal fatto che il bicchiere in cui versiamo il vino si trova a temperatura ambiente e in media, secondo specifici studi, riscalda la bevanda contenuta di circa 0,2° C al minuto. La sua temperatura continuerà a crescere per tutto il tempo di permanenza nel bicchiere fino a raggiungere quella dell’ambiente, agevolata, in parte, anche da un’eventuale presenza soffocante di troppo liquido. Per questo si consiglia di versare nel bicchiere solo la quantità di vino necessaria per bere un sorso abbondante, senza residui che potrebbero ulteriormente riscaldarsi e rovinare il sorso realizzato qualche minuto dopo.

La quantità ideale di vino in un bicchiere

Detto ciò, andiamo nello specifico. Concretamente qual è la quantità di vino ideale da versare in un bicchiere?

“Non andare oltre i 2/3 del bicchiere!” ti risponderanno gli esperti. In questo modo eviterai tutte le problematiche relative ai profumi e alla temperatura del vino. Non dovrai essere troppo generoso ma nemmeno eccessivamente raffinato. Nel bicchiere non ci dovrà essere troppo vino, una quantità eccessiva non consentirebbe ai suoi profumi di aprirsi alle tue narici e si riscalderebbe velocemente, e nemmeno troppo poco vino, una quantità molto esigua faticherebbe a raggiungere il tuo olfatto.

La regola dei 2/3 è dunque un’indicazione ideale da rispettare nel limite del possibile. Non mancano comunque alcune eccezioni che andremo ad analizzare nei prossimi paragrafi.

La quantità ideale di vino rosso in un bicchiere

Il vino rosso non si sottrae alla regola dei 2/3, soprattutto se giovane e di media aromaticità. Va versato fino a toccare il punto più ampio e panciuto del calice: in questo modo il vino non si scalderà troppo velocemente, potrà essere fatto roteare senza traboccare e i suoi profumi potranno facilmente liberarsi.

Per vini rossi importanti e molto profumati la quantità di vino da versare si riduce a 1/3 appena prima della sua parte panciuta: il vino manterrà così una giusta temperatura e avrà più spazio per sprigionare i suoi profumi.

La quantità ideale di vino rosso in un bicchiere

In linea generale questa eccezione vale per tutti i vini con un bouquet molto vario e potente. Segui dunque la regola del riempimento per 1/3 anche con i vini da dessert.

La quantità ideale di vino bianco e rosato in un bicchiere

I vini bianchi e i vini rosati possono essere trattati allo stesso modo. Si versano per i 2/3 del calice, sopra il punto più ampio del bicchiere. In questo modo i suoi profumi possono facilmente raggiungere le nostre narici. Ma attenzione, non superare il limite dei 2/3! Questi vini vanno bevuti freschi per cui non soffocare il liquido aumentandone la temperatura. Insomma, se proprio meglio versarne un po’ meno …

La quantità ideale di vino bianco e rosato in un bicchiere

La quantità ideale di spumante in un bicchiere

Lo spumante va servito nel classico bicchiere flûte dalla forma piuttosto allungata e sempre per i 2/3 del bicchiere. Fai attenzione a non esagerare nella quantità perché la temperatura potrebbe risentirne e sarebbe un gran peccato perché questi vini vanno bevuti freschi.

La quantità ideale di spumante in un bicchiere

Posted in: Consigli sul vino
  Loading...