Swipe to the right

​Abbinamento Vino e Strudel

By Luca Stroppa 29 maggio 2019

Abbinamento Vino e Strudel

È il simbolo della pasticceria del Trentino-Alto Adige, di quella austriaca e tedesca. È un dolce farcito di frutta avvolta in una leggera e sottile sfoglia di pasta. Pochi ma chiari indizi: stiamo parlando ovviamente dello strudel. Un piatto ricco di tradizione e dalla storia millenaria, che attraversa numerose nazioni europee e non solo. Noi di Wineshop.it abbiamo deciso di raccontarvela, sorseggiando un buon bicchiere di vino.

Storia e Curiosità sullo Strudel

La nostra storia inizia nell’VIII secolo a.C., nella lontana Mesopotamia, dove le popolazioni locali consumavano un dolce formato da diversi strati di pasta sfoglia ripieni di miele e di noci. Questo piatto era considerato il simbolo della gastronomia locale e fu presto adottato e riadattato in buona parte dei territori limitrofi.

La sua reinterpretazione più riuscita e più famosa ci porta in Turchia dove i pasticceri bizantini crearono il “Baklava”, tradotto dal turco in “arrotolato su se stesso”, con un ripieno di noci, pistacchi e uno sciroppo a base di acqua, miele, zucchero e succo di limone.

L’impero ottomano si caratterizzò per il tentativo di esportare tradizioni, usi e costumi, compresi quelli culinari, in tutti i territori conquistati. Per questo, nel XVI secolo, diverse testimonianze ci raccontano di un dolce turco che ebbe grande successo in Ungheria, nel frattempo entrata a far parte del dominio ottomano. Qui, il “Baklava” fu rivisitato e il tradizionale ripieno di frutta secca fu sostituito con un prodotto molto diffuso in queste zone ovvero le mele.

Quando l’Ungheria fu conquistata dall’Impero Asburgico, nel 1699, questa delizia si diffuse in Austria dove fu ribattezzata “strudel”, “vortice” per via della sua forma e dell’intruglio di ingredienti che la caratterizza; per poi arrivare fino in Italia nel XIX secolo, in Alto Adige, Trentino e Friuli Venezia Giulia.

La mela rimane l’elemento cardine del ripieno di questo dolce, anche perché il Trentino Alto Adige e l’Austria sono due dei territori in cui questo frutto viene coltivato in maggiori quantità e con i migliori risultati da un punto di vista qualitativo.

Addirittura in Trentino Alto Adige esiste un disciplinare dedicato a questo dolce in cui è riportata una sua descrizione, in cui sono specificati gli ingredienti che si possono utilizzare e in cui sono chiarite le modalità con cui si può cucinare.

Come e Quando lo Strudel

Lo Strudel è definito dal disciplinare del Trentino Alto Adige come un “dolce arrotolato o a fagotto, dall’intenso profumo di mela cotta e dalla forma dritta o a ferro di cavallo. La crosta croccante e dorata, il colore del ripieno giallo costituito da mele.”

L’impasto può essere formato da pasta sfoglia, frolla o “matta”. Oltre alle mele provenienti dalla regione, il ripieno si compone di frutta secca, a scelta solo ed esclusivamente tra uva sultanina, pinoli e noci. Inoltre, tra gli ingredienti ammessi ci sono: zucchero, grappa, cannella, chiodi di garofano, pangrattato, fibre vegetali, potassio sorbato, acido citrico, acido ascorbico.

Noi di Wineshop.it abbiamo deciso di rimanere fedeli al disciplinare e seguendo le sue indicazioni abbiamo cucinato il nostro strudel di mele. Dopo aver preparato la pasta sfoglia, sottilissima, abbiamo creato un ripieno di mele, uva sultanina e pinoli a cui abbiamo aggiunto zucchero e cannella. Abbiamo arrotolato attorno al ripieno la pasta, creando il nostro “vortice” e poi abbiamo infornato. Sia come dessert sia come dolce spuntino o merenda, il nostro strudel si è rivelato un successo.

Vino e Strudel

Lo strudel di mele è un dolce dai sapori persistenti, del resto gli ingredienti che lo compongono sono molto aromatici. Ideale un abbinamento con un vino da dessert fresco, per pulire la bocca dalla sfoglia di pasta, con un ampia ma delicata aromaticità, capace di esaltare gli intensi profumi del dolce, di media struttura, morbido e gradevole, per mitigare e accompagnare l’acidità della mela. Tutte caratteristiche che possiamo trovare in un Gewürztraminer Vendemmia Tardiva del Trentino Alto Adige, dall’incredibile varietà di profumi, dalla notevole freschezza e dalla sorprendente morbidezza e gradevolezza.

È proprio Lui il vino scelto per il nostro Strudel.

  Loading...