Swipe to the right

​Abbinamento Vino e Gnocchi di Pane agli Spinaci

By Luca Stroppa 17 gennaio 2019

Abbinamento Vino e Gnocchi di Pane agli Spinaci

“Giovedì Gnocchi, Venerdì Pesce e Sabato Trippa”: questo detto popolare di origine romana ha ispirato noi di Wineshop.it. Oggi cuciniamo gli gnocchi, con un’antica ricetta che ci riporta agli albori di questo piatto diffusissimo. Gnocchi di Pane, come quelli che si cucinavano un tempo per non sprecare il pane avanzato il giorno prima, e che come ogni ricetta economica del passato funziona anche oggi. Con un buon bicchiere di vino poi…

Storia e Curiosità sugli Gnocchi

“Giovedì Gnocchi, Venerdì Pesce e Sabato Trippa”: gli gnocchi sono tradizionalmente un piatto piuttosto corposo e pesante, mentre secondo la tradizione cattolica il venerdì è giorno di digiuno. Sommando questi due aspetti si spiega facilmente il detto: in vista del digiuno del giorno successivo meglio caricare le pile con un sostanzioso piatto di gnocchi al giovedì per poi tornare alla carne il sabato.

Gli gnocchi a cui fa riferimento il motto popolare sono quelli di patate, i più conosciuti e diffusi nel nostro Paese, affermatisi a partire dalla seconda metà dell’800 in corrispondenza dell’arrivo di questo tubero nel Vecchio Continente.

In realtà gli gnocchi sono un piatto antichissimo, basti pensare che il termine “gnocco” è di origine longobarda, knohha, cioè nodo o nocca in riferimento alla forma tonda del composto. I primi gnocchi erano dunque semplici impasti a base di farina di vario tipo cotti in acqua bollente. Solo successivamente le patate furono aggiunte alla ricetta.

A fianco di questa tipologia di gnocchi, in età rinascimentale, ne comparvero altri tipi a base di pane chiamati zanzarelli. Ispirati all’arte del sapersi arrangiare, gli zanzarelli si caratterizzano per l’utilizzo di pane raffermo, spesso quello avanzato il giorno prima, con l’aggiunta di spezie o verdure come gli spinaci. Diffuso inizialmente tra le fasce meno abbienti della popolazione, questo piatto si affermò presto anche a Corte, diventando protagonista dei banchetti istituzionali. Questa sua capacità di essere apprezzato verticalmente da tutta la popolazione sembra aver ispirato un’espressione ancora oggi diffusa e utilizzata: “ridi, ridi che la mamma ha fatto gli gnocchi”. Un modo di dire assolutamente ironico che invita a ridere anche se non se ne trova un motivo così valido se non nel piacere di gustare un piatto molto diffuso. Come a dire: ti basta poco per ridere.

Ed è proprio questo piatto che abbiamo deciso di cucinare, magari tra una risata e l’altra, giusto per il piacere di gustare una ricetta deliziosa. E questo sarebbe poco?

Gnocchi di Pane: come e quando.

Gli gnocchi di Pane sono piuttosto semplici da preparare, basta creare un impasto di pane, latte, uova, farina, burro, sale, pepe e formaggio grattugiato, formare i nostri gnocchetti, per poi immergerli in acqua bollente. Per arricchire il piatto potete puntare su diverse verdure come spinaci, bietole o anche la zucca così come aggiungervi diversi tipi di formaggio o besciamella. Avete piena libertà anche nel condimento: sugo, burro o formaggio fuso e ricotta.

Noi li abbiamo cucinati con delle spinaci e formaggio fuso per un pranzo con i fiocchi.

Gnocchi di Pane e Vino

Gli gnocchi di Pane sono un piatto dai sapori delicati e armoniosi per cui vanno gustati con un vino in grado di esaltarli senza sovrastarli. Il Lugana è il vino che fa per noi, un vino dalla buona struttura ma dai profumi assolutamente delicati, leggeri ed eleganti, o meglio raffinati, dal gusto secco e asciutto, ideale per gli gnocchi al pane preparati con verdure. Che Lugana sia.

  Loading...