Swipe to the right

​Vino in Poesia: I Carmina Burana e “Lode del Vino”

By Luca Stroppa 29 novembre 2018

Vino in Poesia: I Carmina Burana e “Lode del Vino”

Tra i grandi piaceri della vita il vino occupa una posizione di primo piano in molti dei componimenti di poeti amanti di questa bevanda. Gli autori dei "Carmina Burana" si inseriscono alla perfezione in questo filone. Il motivo? Semplice. Per loro il vino è allegria, gioia e felicità. Proprio per questo hanno dedicato alla bevanda di Bacco un inno di lode ed esaltazione.

I Carmina Burana

I “Carmina Burana” sono una raccolta di poesie e canti medievali goliardici e irriverenti, scritti in latino, ma anche in tedesco e francese, ritrovati nel 1225, e risalenti al Bura Sancti Benedicti, un monastero benedettino situato in Baviera, Germania, famoso per il suo Scriptorium e per le attività di scrittura e copiatura che venivano praticate. Nel corso del Medioevo, infatti, i monasteri rappresentarono dei veri e propri centri di pensiero, dove l’arte della scrittura veniva coltivata e sviluppata con grande attenzione.

I “Carmina Burana” sono proprio il prodotto di questo fermento culturale, 228 componimenti poetici divisi in quattro macrosezioni: inni morali, inni amorosi, inni a Bacco e inni sacrali. I canti trattano svariati argomenti in maniera ironica, a volte aggressiva e irriverente, in altri casi in maniera polemica. Del resto, gli autori di questa raccolta sono i cosiddetti "clerici vagantes", studenti universitari appartenenti al mondo ecclesiastico, perché avevano ricevuto ordini minori, che si trasferivano da un’università all’altra per seguire le lezioni che ritenevano di maggior interesse. Si tratta di figure molto influenti all’epoca, che facevano della critica sociale uno dei loro argomenti privilegiati, oltre all’esaltazione dell’amore e dei piaceri della vita, tra cui il vino.

Proprio nella terza sezione dei "Carmina Burana" troviamo una serie di canti dedicati alla bevanda di Bacco, tra cui “Lode del Vino”.

Lode del vino

Salve, colore del vino scintillante,
salve, sapore senza eguali,
cerca di inebriarci con la tua forza.
Quale mirabile frutto
ha prodotto la pura vite,
ogni mensa si fa lieta, con la tua presenza.
Quale meraviglioso colore,
quale profumo fragrante,
quale sapore in bocca e dolce sulla lingua.
Felice il ventre in cui entrerai,
felice la gola che solcherai,
felice la bocca e le labbra che laverai.
Dunque, lodiamo il vino!

Lode del Vino

Lode del Vino è un canto di esaltazione del vino in tutti i suoi aspetti e in tutte le sue caratteristiche: il suo colore è definito scintillante e meraviglioso, il suo sapore senza eguali, il suo sapore gradevole e fragrante e la sua forza appassionante, euforizzante. Viene poi esaltata la capacità della vite di dare vita ad un frutto, l’uva, quasi miracoloso, straordinario che a sua volta produce una bevanda, il vino, in grado di arricchire e allietare ogni pasto. Perché il vino rende tutti allegri, dunque lode al vino.

Posted in: Cultura del vino
  Loading...