Swipe to the right

​Vino e Droni: un volo nel futuro

By Luca Stroppa 06 giugno 2018


Vino e Droni: un volo nel futuro

14 settembre 1918, dalla base di Furbara, Roma, prende quota “Torpedine Aerea”, il primo aereo senza pilota progettato dall’aviazione italiana per scopi bellici. Il suo volo durò solamente 150 metri, il motore si bloccò inspiegabilmente e il velivolo cadde al suolo, distruggendosi. Il progetto fu accantonato ma l’idea, innovativa, verrà ripresa qualche decennio dopo, quando, negli Stati Uniti, comparvero per la prima volta i moderni “droni”, oggetti volanti radiocomandati senza necessità di un pilota.

Da allora, i droni si sono fatti spazio in qualsiasi ambito, da quello architettonico a quello cinematografico, dal settore industriale a quello agricolo, rivoluzionandone attività e mercato. Il mondo del vino non fa eccezione e, da qualche anno, questi velivoli hanno cominciato a fare la loro comparsa nei vigneti di numerose aziende trovando diverse applicazioni: analisi e controllo dello stato di salute del vitigno e del suolo, applicazione di prodotti o sostanze atte a favorire lo sviluppo del vigneto, creazione di video promozionali o pubblicitari e trasporto del vino.

Controllare lo stato di salute del suolo e del vitigno

Il drone può servire, in primo luogo, a mappare il suolo dove si coltiva l’uva da cui poi si produce il vino, oltre che a controllare lo stato di salute del terreno e dell’uva stessa. Prima dell’introduzione dei droni, questo compito era affidato a potenti strumenti satellitari, il cui costo, particolarmente elevato, e la cui applicazione, soggetta alle condizioni atmosferiche, non incoraggiava le aziende agricole ad investire su questa tecnologia.

Il drone, invece, più economico e con una capacità di riproduzione dei risultati della mappatura più rapida ha convinto tutti o quasi, migliorando la gestione delle aree coltivate. Nello specifico, l’oggetto volante consente di controllare costantemente le condizioni dell’uva e del suolo, consente di individuare eventuali malattie o nemici pericolosi, garantisce immagini ad alta definizione della foglia che permettono di comprendere il momento esatto della potatura e della vendemmia, fornisce dati sulle condizioni del terreno e della vigna per fare previsioni sulla qualità della raccolta.

Applicare prodotti o sostanze atte a favorire lo sviluppo del vigneto

Altra importante applicazione del drone nel settore vitinicolo è quella relativa all’irrorazione dei vigneti, alla lotta contro i parassiti e, più in generale, al trasporto e al rilascio di sostanze e prodotti in grado di favorire la coltivazione della vite.

In quest’ambito, almeno in italia, siamo ancora in una fase di sperimentazione anche perché i droni progettati per questo scopo hanno, per ora, costi particolarmente elevati.

Creazione di video pubblicitari

Il drone è utilizzato anche a fini pubblicitari. Diverse aziende stanno puntando su questa tecnologia per creare video promozionali sul vino, innovativi, suggestivi e ad effetto. Questi oggetti volanti sono infatti in grado di montare telecamere e macchine fotografiche che riproducono immagini uniche da posizioni insolite, difficili se non impossibili da realizzare senza il loro aiuto.

Anche noi di Wineshop.it ci abbiamo provato !!!

Trasporto del vino

Ultimo ambito di applicazione del drone, probabilmente il più suggestivo anche se ancora in fase di sperimentazione, è quello del trasporto. Non stupiamoci se tra qualche anno le nostre bottiglie di vino ci verranno consegnate da questi velivoli. In Cina il governo sta investendo su questo settore così come negli Stati Uniti, dove sono stati progettati droni in grado di portare pacchi da oltre 1 quintale!

In ogni caso, il trasporto di vini tramite droni sarebbe estremamente utile ed efficace per le consegne in aperta campagna o in quei luoghi difficilmente raggiungibili dal corriere; più difficile, invece, la sua applicazione nel caos delle città più popolate e trafficate. Senza dimenticare che i costi di spedizione sarebbero sicuramente inferiori.

Il futuro del vino è in volo !!!

Posted in: Curiosità sul vino
  Loading...