Le Sughere di Frassinello Rocca di Frassinello 2014

Le Sughere di Frassinello Rocca di Frassinello 2014

Nato dalla nuova straordinaria join venture con Domaines Baron de Rothschild Lafite, presenta aromi di confettura di lamponi, rovere, una marcata nota di geranio ed un finale avvolgente di cacao
Cod. Prod. W881

Recensisci per primo questo prodotto

Disponibile

 16,99


Aggiungi alla Wishlist
Mandalo via email ad un amico

Descrizione prodotto

Dettagli

ProduttoreRocca di Frassinello
BioNo
TipoRossi
RegioneToscana
ZonaMaremma
Denominazione-VitignoSangiovese
UvaggioSangiovese (50%), Merlot (25%), Cabernet Sauvignon (25%)
Annata2014
Gradazione14.5
BottigliaBordolese
Formato (cl)75
BicchiereChianti Classico
Le Sughere di Frassinello è un blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot, affinato per un periodo in piccole barrique di allier francesi, per poi riposare in barrique che nel primo passaggio hanno tenuto Chateau Lafite. Di un rubino carico dall’unghia sfumata, si mette in evidenza con profumi di grande persistenza, incentrati su aromi di confettura di lamponi, rovere, una marcata nota di geranio ed un finale avvolgente di cacao. Al palato è avvolgente con tannini dolci e dall’irrefrenabile progressione.

Il produttore

Il grande progetto di Rocca di Frassinello è nato da una piccola idea. Come altre aziende chiantigiane, infatti, anche Castellare di Castellina, che appartiene all’editore Paolo Panerai da quasi 30 anni, aveva dovuto constatare, alla fine degli anni 90, che nella zona del Chianti Classico era diventato impossibile espandersi. Lo sbocco storico, naturale del Chianti Classico è sempre stata la Maremma. E così da alcuni anni era cominciata una sorta di transumanza dalle colline chiantigiane verso il mare, in particolare a nord (Bolgheri) e a sud (Morellino di Scansano). La scelta di Castellare era stata di non puntare sull’ovvio e sul già noto, ma di capire se nel resto della Maremma c’erano terreni altrettanto o più qualificati di quelli di Bolgheri e di Scansano. C’erano e li avevano scoperti Ezio Rivella e Gianni Zonin. Infatti proprio al centro della Maremma, fra Bolgheri e Scansano, arriva una sorta di piede geologico che ha le stesse caratteristiche dei terreni del Chianti e di Montalcino, di cui in effetti questo piede è una sorta di prolungamento verso il mare. Quindi terreni come quelli delle due più famose zone vinicole della Toscana, ma con una differenza sostanziale: 4-5 e anche 6 °C di temperatura media più alta e quindi con una capacità di maturazione delle uve in un anticipo anche di tre-quattro settimane rispetto al Chianti e a Montalcino. Paolo Panerai invece della zona quasi pianeggiante scelta da Rivella e da Zonin puntò deciso sulla collina che si forma ai due lati della vecchia Aurelia e che, grazie alla prima grande strada romana, forma una sorta di canyon nel quale si infila il vento di mare proveniente dalla piana fra Castiglion della Pescaia e Grosseto, una brezza costante che toglie qualsiasi umidità e mitiga ancora di più il clima sia d’inverno che d’estate. Ecco la piccola idea, da cui è nato il grande progetto, un grande progetto internazionale concepito con la partnership di Les Domaines Baron De Rothschild Lafite: 500 ettari di cui 90 già vitati, per produrre tre etichette, nell’incontro del meglio dell’italia e della francia. A sanzionare il livello internazionale dell’azienda, il progetto della cantina firmato dall’architetto Renzo Piano.

L'abbinamento

Piccione ripieno, crostini alla toscana, cacciagione, umidi e stufati, carni rosse, formaggi stagionati.

Il servizio

Si consiglia di aprire la bottiglia qualche minuto prima, servire a 18-20 gradi in un calice di cristallo trasparente.

La conservazione

Se ben conservato, ha una vita media di 10-15 anni, le bottiglie vanno coricate orizzontalmente in cantina fresca umida e buia.

Recensioni

Scrivi la tua recensione

La tua recensione: Le Sughere di Frassinello Rocca di Frassinello 2014

Come consideri questo prodotto? *

  1 stella 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle
Qualità
Bicchiere Consigliato
Chianti Classico
  Loading...